Questa situazione ha messo in luce un problema che già esisteva: alloggi senza condizioni adeguate. Nonostante si tratti di un problema che esiste da tempo per i migranti provenienti da India, Pakistan, Nepal, eccetera, questa violazione dei diritti umani è stata ora portata alla luce a causa della necessità di controllare la pandemia.

40 persone in una casa, 15-20 in una sola stanza: questa è la realtà di molti lavoratori agricoli. Con queste condizioni, non c'è modo di controllare una pandemia e da un momento all'altro la situazione è ormai considerata fuori controllo, mettendo Odemira al centro delle preoccupazioni della Covid in Portogallo.

"Almeno 6.000" dei 13.000 lavoratori agricoli del comune, permanenti e temporanei, "non hanno condizioni di vita", ha dichiarato il sindaco di Odemira, José Alberto Guerreiro.

L'agenzia di stampa Lusa ha parlato con uno dei migranti che vive a Odemira: "Non sono felice. Non ci sono regole, non c'è lavoro, non c'è niente. Negli ultimi sei mesi trascorsi qui non ho trovato lavoro. Sto aspettando un permesso di soggiorno, ma non ho un lavoro. È difficile vivere in Portogallo, ma devo restare se voglio la residenza", ha detto.

Alla domanda sulle condizioni in cui vive attualmente, ha risposto: "Non credo che questa sia una casa... È un vecchio edificio, un brutto edificio. Paghiamo 100 euro per un letto e possiamo vivere con forse 15 o 20 persone in un'unica grande stanza. La situazione è pessima. Qui tutto è vecchio. Questo bagno, questa cucina devono avere 100 anni, tutto è brutto qui".

Passando sul ponte di Odeceixe, che collega l'Algarve sud-occidentale all'Alentejo occidentale, dal 30 aprile tutti vengono fermati dalla GNR che non lascia entrare le persone in queste parrocchie a causa di una recinzione sanitaria in due delle parrocchie di Odemira, in un momento in cui la maggior parte del Paese sta iniziando a uscire dal blocco.

La polizia è presente in sei punti di passaggio che collegano queste due parrocchie ad altre e ha bloccato altri ingressi rurali e più "nascosti" con recinzioni per garantire che nessuno cerchi di entrare in queste due parrocchie - São Teotónio e Longueira-Almograve.

Nelle contee vicine, che hanno fatto passi avanti nell'alleggerimento del processo di blocco, come nel caso di Vila Nova de Milfontes, tra le altre, ci sono molte persone che camminano per strada rispettando tutte le regole, tra cui indossare maschere; i ristoranti sono pieni così come gli hotel, e non sembra nemmeno che proprio accanto ci sia una recinzione sanitaria e la crisi di Covid.

Nel complesso, il comune di Odemira "presenta una situazione di particolare gravità", registrando il 28 aprile "un'incidenza cumulativa su 14 giorni superiore a 560 casi per 100.000 abitanti", ha dichiarato il governo.

Il Primo Ministro ha anche riconosciuto che "parte della popolazione vive in situazioni di inaccettabile insalubrità, con sovraffollamento delle abitazioni", segnalando situazioni di "enorme rischio per la salute pubblica, oltre a una grave violazione dei diritti umani".

A seguito della situazione di Odemira, il 29 aprile il governo ha approvato un decreto legge che stabilisce che le aziende che impiegano 10 o più lavoratori nelle aziende agricole e nei cantieri edili sono obbligate a registrare giornalmente i loro lavoratori, a partire dal 30 aprile.

Per il momento, le persone infette da Covid-19 che risiedono nelle due parrocchie di Odemira dove si trova il recinto sanitario sono state ospitate in un ostello di Almograve, mentre il complesso Zmar ha accolto coloro che sono in isolamento profilattico.